Il mondo animale è talmente vasto e affascinante che non smetteremo mai di scoprire cose nuove, ma anche tra gli amanti degli animali sicuramente ci sono alcune curiosità che scommettiamo non tutti sanno, vediamone alcune veramente strane.

Le stranezze

Cominciamo dai canguri, simpaticissimi mammiferi che vivono principalmente in Australia. Sembrano innocui ma in realtà possono essere pericolosi: dotati di possente muscolatura se si sentono minacciati prendono a calci e pugni, e tenendo conto che alcuni maschi in posizione eretta raggiungono i due metri per un perso di circa 90 kg, forse è il caso di non farli arrabbiare.

Ma lo sapevate che un cangurino appena nato è grande appena mezzo centimetro? Ecco a cosa serve il marsupio nelle femmine, a contenere il piccolo per altri 8 mesi circa, dove si nutrirà del latte materno e crescerà al sicuro.

Ben diverso il cucciolo di giraffa, che deve fare i conti con la dura vita appena nato cadendo da circa un metro e mezzo di altezza. Ma niente paura, essendo già perfettamente sviluppato non si fa nulla e si mette subito in piedi; non per niente la gravidanza della giraffa dura ben 15 mesi!

Le vediamo nei nostri giardini e nelle strade, le comuni lumache a cui nemmeno facciamo caso, ma sapevate che questi animali non sono affatto banali come pensiamo?

Dall’aspetto un po’ così ( le lumache sono quelle senza guscio, le altre si chiamano chiocciole ndr) hanno ben 4 nasi che utilizzano a coppie per respirare e per annusare. E non è tutto, hanno anche oltre 10mila denti! O almeno, quelli che dovrebbero essere denti.

Non guarderete più una lumaca nello stesso modo adesso, vero?

Il buffo e il pericoloso

E che dire dei buffi pinguini, che certamente non si vedono molto spesso vivendo esclusivamente nell’emisfero sud, al Polo Sud, principalmente, ma anche in altri posti.

Se doveste fare un viaggio e trovare una colonia, state lontani dai loro nidi. Il pinguino per tenere pulita la sua casa spara letteralmente la sua cacca a circa un metro di distanza come un proiettile.

Ovviamente anche da un orso bruno è bene tenersi a debita distanza, non solo per la pericolosità e l’indubbio timore che incute, ma perché è capace di correre più veloce di un cavallo!

Di Nunzia

Scrivo per passione e leggo per necessità, amo gli animali, la natura e la vita. E con la libertà, i libri, i fiori e la luna, chi non sarebbe felice?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.